Maurizio Pesenti

Real Estate & business Coach

In recupero il mercato immobiliare.

La crisi immobiliare è stata meno dura e meno cruenta di quanto si pensava nel 2008. tra la primavera e l'inverno del 2009 parte dei mercati immobiliari europei hanno iniziato a mostrare segni di ripresa quanto a volume di vendite e prezzi, cosa che fa sperare bene anche per il 2010.  in tutta Europa, in generale, ma soprattutto in paesi come la gran Bretagna si sarebbe potuto già toccare il fondo, invece pare che la crisi sia durata meno di quella degli anni novanta e sia stata meno dura di quella statunitense

a sostenere i paesi europei la solidità del welfare, i sussidi di disoccupazione e la distribuzione di case popolari ai redditi più bassi ma anche il minor tasso di morosità rispetto a quello degli usa (8%) a dirlo è il rapporto sul mercato immobiliare residenziale europeo presentato a Bruxelles dall'organizzazione royal institution of chartered surveyors (rics)

stando al rapporto i prezzi degli immobili sono saliti notevolmente in Norvegia (12%), in Svezia (7%) e in gran Bretagna, nonostante quest'ultima sia stata uno dei centri della crisi immobiliare. anche se il rialzo si attesta solo intorno all'1%, significa comunque un aumento del 10% rispetto ad aprile 2008. rientra nella lista dei paesi in cui salgono i prezzi delle case anche il portogallo, con un timido 0,3%

Torna alla home

Condividi post

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post